WEN – INVIDIA – Divina – Silvia Taccagni

Sofia aprì gli occhi e la prima cosa che vide fu il rosa del soffitto. Rimase stupita; quello di camera sua non era di quel colore.

Era confusa. L’ultimo ricordo che aveva era lei che si arrampicava su quel loggiato per sbirciare nella camera di Divina.

L’invidia era un sentimento che Sofia non aveva mai conosciuto, fino a quando aveva incontrato Divina, che tale era sia di nome che di fatto.

Da quando Divina era entrata nella sua vita, lei per tutti non era più Sofia; lei era l’amica di Divina.

Divina era bionda, alta e soprattutto magra.  Aveva partecipato ad un concorso di bellezza e per questo, aveva molte conoscenze vip. Tutte le ragazze adoravano la sua compagnia e tutti i ragazzi erano innamorati di lei.

A Divina però tutto questo sembrava non interessare. Con lei poi era dolcissima; l’aiutava nella scelta degli abiti giusti che non facessero notare i suoi chili di troppo e spesso la consigliava sul tipo di trucco che mettesse in risalto i suoi occhi verdi.

Nonostante questo lei sentiva di non ricambiare del tutto quell’affetto. Il sentimento più forte che provava verso Divina era l’invidia. Invidiava la sua vita; avrebbe voluto essere lei.

Continuò a guardare quel soffitto rosa ancora per un po’; la cosa le sembrò strana ed ancor più strano le parve che a quell’ora non fosse già entrata in camera sua madre per svegliarla, come al solito.

Si tirò su dal letto e si intravide nello specchio. Rimase sbalordita; adesso era lei quella bionda, magra e bellissima.

Scese di sotto.

La colazione non era pronta. Sua madre, perennemente in pantofole e vestaglia, adesso era vestita di tutto punto. La salutò distrattamente e uscì per andare in ufficio.

Anche suo padre scese da sopra con la valigetta da lavoro e si avviò verso la porta, senza nemmeno degnarla di uno sguardo.

Sofia non ebbe il tempo di dire nulla che già era arrivato Gianni a prenderla per accompagnarla a scuola.

Lei era eccitatissima, perché Gianni le era sempre piaciuto molto. Ma la sua soddisfazione durò ben poco.

Durante il tragitto fino a scuola lui non fece altro che ripeterle quanto fosse bella, come se lei non possedesse altre qualità degne di attenzione.

Anche l’incontro con le sue compagne fu piuttosto deludente. Loro le si fecero intorno con mille moine, ma palesemente fasulle.

L’unico momento degno di nota fu quando irruppe sulla scena lei, quella che per tutti adesso era l’amica di Sofia.

La barbie umana: "Vivo di aria e luce" | Modenaindiretta

Divina arrivò sorridente, per niente infastidita dai suoi attuali chili di troppo ed evidentemente orgogliosa dei suoi occhi verdi.

L’abbracciò, facendole sentire tutto l’affetto che provava per lei e Sofia non notò in questa sua esternazione nemmeno una punta di invidia nei suoi confronti.

Sul tardi, rientrata a casa, non trovò nessuno ad aspettarla e nessun messaggio in segreteria per avvertire del ritardo.

Si rese conto che quella doveva essere un’abitudine e fu sopraffatta da un’immensa tristezza.

Delusa si buttò sul letto; voleva estraniarsi da quella vita che aveva tanto invidiato e che, adesso che era sua, non le piaceva affatto.

Quando aprì gli occhi, la prima cosa che vide fu l’azzurro, ma non era il soffitto, bensì il cielo.

Era confusa. Si guardò attorno; poco più in là vi era quel loggiato e lì vicino a lei Divina, di nuovo bellissima, che con le lacrime agli occhi cercava inutilmente di attirare l’attenzione dei suoi, che invece continuarono le loro conversazioni telefoniche.

In lontananza si sentiva il suono della sirena dell’ambulanza in arrivo.

Sofia strinse forte la mano di Divina e le sorrise.

Sofia non era mai stata una persona invidiosa prima di incontrare Divina e continuò a non esserlo.

di SIlvia Taccagni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: