WEN – GENITORI – Madre e figlia- Silvia Taccagni

Si girò un po’ nel letto, sprofondando nel tepore delle coperte. “Goditi ancora un attimo questo paradiso, mia cara, che tra poco inizia il bello” si disse, mentre infilava la testa sotto il cuscino.

Ma non riuscì a rilassarsi; di li a poco avrebbe sentito quella vocina delicata e ancora un po’ assonnata, da essere quasi impercettibile.

Infatti, dopo qualche minuto, eccola che la chiamava. Aspettò un paio di secondi seduta sul bordo del letto, stropicciandosi gli occhi e solo dopo il terzo richiamo, quando iniziava a mugolare, entrò nella sua camera.

“Eccomi, tranquilla, sono qui” le disse.

Infilò la mano tra i cancellini del letto e le fece una carezza aggiustandole i capelli.

Poi le dette un bacio sulla fronte.

“Adesso andiamo a fare colazione, ma prima ci cambiamo, sarai tutta bagnata”, le sussurrò all’orecchio.

Lei le regalò uno dei suoi più bei sorrisi che le scaldò il cuore.

Erano proprio questi piccoli particolari che la riempivano di soddisfazione e che non le facevano rimpiangere di aver lasciato temporaneamente il suo lavoro per occuparsi di lei finché ce ne sarebbe stato bisogno.

 Al tavolo di cucina,mentre facevano colazione,la brontolò un po’,perché non aveva mangiato niente; aveva solo giocato, tuffando i biscotti nel latte.

“Guarda che se non mangi un po’ al parco non ci andiamo” le disse con tono

Come abituare neonato a dormire nel lettino - Letto Montessori

severo. Allora lei mangiò un paio di biscotti.

Una volta arrivate al parco la lasciò vicino allo scivolo insieme agli altri e lei si sedette su una panchina. E, mentre parlava con qualche nonna ed un paio di mamme, la teneva d’occhio.

Dopo qualche ora erano di nuovo a casa.

Si sedettero a tavola per il pranzo che,come al solito,non fu per niente breve,a suon di “apri la bocca che arriva l’aereoplano”.

Poi si misero a giocare.

Naturalmente lei sparse in giro tutti i suoi ninnoli, dedicandosi ad ognuno di loro per non più di cinque minuti, come faceva sempre.

Una volta perso interesse per quei passatempo, la cambiò di nuovo. Adesso,pulita e profumata di talco,si appoggiò al divano e si addormentò profondamente, come se le avessero fatto un’anestesia totale.

La guardò e sorrise; ”Che meraviglia,a quell’età dormirebbero anche sui sassi” pensò.

Aveva appena finito di sistemare tutto il disordine che c’era che lei era di nuovo sveglia.

Le preparò una cena leggera ma nutriente e, dopo essersi sedute a tavola, interpretò di nuovo il ruolo del pilota di aereo mentre la imboccava.

La vide stanca,per l’intensa giornata appena trascorsa;così si sedettero sul divano a guardare in dvd quel cartone animato che lei adorava. “Finalmente ci rilassiamo un po’ “ pensò.

Lei le si appoggiò addosso a dimostrazione di tutto il bene che le voleva.

Poi,dopo l’ennesimo cambio della giornata,le infilò il pigiama,quello rosa con tutti quei fiocchetti disegnati,la mise a letto,le rimboccò le coperte e le cantò quella dolcissima canzone della buona notte che sua nonna le cantava quando era bambina.

Lei,in pochi minuti,era già tra le braccia di Morfeo.

Prima di uscire dalla sua stanza,infilò di nuovo la mano tra i cancellini del letto e le accarezzò i capelli.

E, mentre le baciava la fronte, le sussurrò “Buona notte mamma. Ti voglio bene”.

Di SIlvia Taccagni

Una opinione su "WEN – GENITORI – Madre e figlia- Silvia Taccagni"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: