WEN -ANTENATI – L’eredità – Miriam Ticci

“Tu sei ciò che tu apprendi con amore

E il sapere è carne di tua carne”

Nonna Renata, così tu mi dicevi;

Grata coi denti miei di latte io

Di quel pane mai paga mi nutrivo

E ancora questa chioma grigia e bianca

Gusta quel cibo che giammai la stanca.

Quando con la chitarra tu cantavi,

Gagliano mio, la festa s’animava

E la gioia di vivere scorreva

La voce chiara per tutto risonava…

Ma l’amore per la bella libertà

Non soffocata dalla dittatura,

Costi quello che costi non ci cura,

Questo è quel dono che più d’altri dura.

E nonno Nanni il gigante buono…

Sulle sue spalle grandi torreggiavo

Ed un mondo più ampio io vedevo.

Da te appresi che tutto è relativo

Al punto da cui noi l’osserviamo

Ma come l’onestà ci son valori

Pietre miliari che non barattiamo

Per vantaggi allettanti ma illusori.

.

Di nonna Dora che io mai conobbi

Rimane il vuoto che mi porto dentro

Un nome proprio che è quasi un lamento

Un nome inciso graffito sul marmo

Qual wadi nel deserto tra le dune

Ricorda che là un tempo vi fu un fiume.

di Miriam Ticci

Una opinione su "WEN -ANTENATI – L’eredità – Miriam Ticci"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: