WEN – COVID-19 – La terra della mancanza – Lorella De Bon

Mani in tasca, bollettini quotidiani, caffè al tavolo, lontani.La matematica non è il mio forte, ma i numeri salgono: alcool al 96% preferibilmente. **** Se ne occupano i notiziari H24, forni sempre accesi, la fame all’orizzonte, scaffali vuoti.Ma di te dietro il muro, chi si occuperà? Di te che vedi ancora gli antichi sacrifici, i riti,Continua a leggere “WEN – COVID-19 – La terra della mancanza – Lorella De Bon”

WEN – COVID-19 – Incombe la folla – Maila Meini

Incombe la folla alle mie spalle, frana chiassosa di sassi nel letto di un gelido fiume. Resto, liquida di sudore, in attesa del nulla che diviene un’ombra buia. Rifiuto il lugubre abbraccio di un presagio, sperando che sia solo l’inganno di un incubo crudele e inaspettato. Allora mi stringe a sé un silenzio pieno diContinua a leggere “WEN – COVID-19 – Incombe la folla – Maila Meini”

WEN – COVID-19 – Fototessera – Donatella Maino

La bocca, piegata all’ingiù,si perde in centinaia di rughe profonde. Vecchia, sono vecchia. Strizzo gli occhi, fisso il vuoto,mi mordo le labbra, torco le mani. Dalla finestrella chiusa, vedo in cielouna croce luminosa, i semi scoppianoma i miei fiori di pesco sono coraggiosi. Una coltre di carta scritta e stracciata copreil pavimento, sono lividi lampiContinua a leggere “WEN – COVID-19 – Fototessera – Donatella Maino”

WEN – COVID-19 – Io resto a casa – Maila Meini

Non voglio proprio perdere nessuno che conosco, tanto meno chi amo né andarmene prima del tempo mio. Non ho finito i sogni né sono stanca di veder crescere i bambini. L’oggi è un infinito giorno tetro, unto dall’incoscienza della folla e dalla certezza dell’unicità del proprio fato. Lo credeva pure, sono certa, il primo cheContinua a leggere “WEN – COVID-19 – Io resto a casa – Maila Meini”

WEN – COVID-19 – Non sono pronto – Cristina Scrigna

Dovevate avvertirmi Forse avrei potuto prepararmiNon sono prontoa reprimere gli abbracciA veder dissipare il caloredei miei cariA rifiutare il contatto delle loro maniSono naufrago nel loro mare di tristezzacon un relitto cui potrei aggrapparmiMa devo lasciare affogare,per il loro bene, tutta quanta questa tenerezza. di Cristina Scrigna

WEN- COVID-19 – Il morbo – Marco Stilci

Il morbo infuria il pane non manca coraggio ottantenne anche stavolta tu la fai franca Noli me tangere! strilli atterrito se qualcheduno ti sfiora il dito ti insegue il morbo ma tu lo scansi con dignitose fughe in avanti E Scansi amici Ti chiudi in casa E aspetti che passi La mala parata di MarcoContinua a leggere “WEN- COVID-19 – Il morbo – Marco Stilci”

WEN – COVID-19 – Silenzio – Giovanna Ristori

Ormai tutto è silenzionon si sente più alcun rumorela mancanza di suoni amplificaquel che sembra fragoreed è tutto così innaturalecosì fermoa tratti glacialeQuel che si avverte da quassù,dov’è facile osservareda una finestra di privilegi,è l’ignoto che incombesulla fioritura dei ciliegiIl silenzio oggiè la voce di ciòche a tutti era sconosciuto,è il timore del vuotoE portaContinua a leggere “WEN – COVID-19 – Silenzio – Giovanna Ristori”

WEN – COVID-19 – L’untrice di Rifredi – Carlo Menzinger

«Che cosa fai? Esci di nuovo? Sei già uscita stamattina a prendere il giornale e sei stata fuori un’ora? Poi sei uscita di nuovo per andare a trovare tua madre. Lo vuoi capire che le persone anziane vanno lasciate sole, se no le contagi?» «Ho mal di schiena, devo camminare un po’.» «Che cosa c’entraContinua a leggere “WEN – COVID-19 – L’untrice di Rifredi – Carlo Menzinger”

WEN – COVID-19 – La sfida – Giovanna Ristori

In mezzo a questo periodo di isolamento forzato, tutto mi sembra andare all’indietro nell’infinito. Perché il problema non è poi tanto, in sé, la cosiddetta quarantena quanto il sotteso quesito di non vederne la parte estrema. Infatti, ad arrendersi ad un sacrificio, quasi tutti impegnandosi posson raggiungere un risultato, tuttavia quando la difficoltà non èContinua a leggere “WEN – COVID-19 – La sfida – Giovanna Ristori”

WEN – COVID-19 – La città della salute – Alessandro Lazzeri

Non c’era la solita fila davanti allo sportello dell’ASL. Me ne sono un po’ sorpreso. Le rare volte che ho necessità di prenotare un’analisi debbo pazientare almeno quaranta minuti. Forse è sciopero, mi sono detto o, magari ho sbagliato orario. Mi sono avvicinato e un’impiegata mi ha accolto con un gran sorriso. Lei è ilContinua a leggere “WEN – COVID-19 – La città della salute – Alessandro Lazzeri”

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito