WEN – CONIUGI – “Combaciami” – Cristina Scrigna

L’altro me

Mio opposto

Niente di più

differente e uguale

Individui completi

Condividui sinergici

Ingranaggi che

si addentano

senza farsi male

‘Dai, su, presto…

combaciami!’

Pensieri Di Donna — Amarsi non è poi così difficile,far combaciare due...

(cristinascrigna)

WEN – CONIUGI – Abitudine – Cristina Scrigna

La vita,

la necessità,

lo sguardo rivolto

solo dentro,

e quella fortunata

sovrapposizione

si cambia in

urgenza

di ampio spazio.

E, per paura

di ferire,

si accetta di mutarsi

in abitudine

che poi

con nostalgia

si perde

a poco a poco.

La luce e lo sguardo. Il vedere che dà forma. Come ti guardo così ti plasmo  (Omar Montecchiani)


(cristinascrigna)

WEN – CONIUGI – Disperante amore – Cristina Scrigna

Disperante amore,

conoscersi a memoria

mirando in modo esatto

a ferite antiche

con parole incendiarie

mai più estinte.

Comunque amandosi,

dilaniare le intenzioni

per provare a rivivere

morendo a poco a poco.

Troppo differenti

per restare vicini

Troppo vicini

per restare indifferenti.

Il mito delle frecce infuocate - Lorenzo Manara


(cristinascrigna)

WEN – SUPERBIA – La casta – Cristina Scrigna

Siamo gli Snob, con pedigree accertato,

tutti rifatti abbronzati fashion-sciatti,

coi SUV e nelle scuole blasonate,

emblemi della ‘casta’ in cui nasciamo.

Distinti da voi rozzi popolani

noi diamo ai nostri figli tripli nomi,

di eroi di antica fama o nobiltà,

più quelli di città o costellazioni.

Col gesto circolare della mano

scacciamo le sgradevoli intrusioni.

Un sopracciglio alzato o un lieve cenno,

ed emaniamo chiare intimazioni.

A denti stretti e con sorrisi finti

ci autocelebriamo compiaciuti.

Parlando sottovoce ad occhi freddi

facciamo sentir gli altri inadeguati.

Or voi…inferiori…inetti fantozziani!

Portatevi da sudditi beoti,

sentendovi onorati di servirci

e che così non resterete ignoti!

Altro che casta! Solo il 18% dei "lavoratori ricchi" proviene dalla  pubblica amministrazione - Europlot - L'Antidiplomatico

Se vi facciamo tanto lavorare

è per ‘nobilitarvi’, dice il detto.

Avrete degli avanzi, un letto e un tetto.

Crescete quindi i figli che incubiamo!

di Cristina Scrigna

WEN -SUPERBIA – Babilonia 600 a.c. – Cristina Scrigna

Sul Grande Fiume

una Nazione prigioniera piange

E ‘va con il pensiero’

alla sua vita persa

al suo Dio Immenso

ad una libertà svanita

Solo struggendosi

per la sua mancanza

potrà apprezzarne

la restituzione.

Sul Grande Fiume

un dittatore sta con tracotanza

Egli deride, schiavizza,

uccide, spadroneggia

Ci penserà l’Immenso

ad umiliarlo

riducendolo ad una

nullità col Suo

sarcasmo.

Ma quando tutto ciò

Va Pensiero' di Verdi, la nostalgia per la patria natale | Giuseppe Verdi | Va  pensiero | Epoch Times Italia

diverrà Storia,

e apparterrà quindi al passato,

sarà servito a poco

perché comunque

destinato, nel futuro

in tutti i suoi passaggi,

a replicarsi.

di Cristina Scrigna

(dal Libro di Daniele, capitolo 4)
Storia del Nabucco e del popolo di Israele come metafora della perdita della libertà dovuta ad una Superbia cronica che non ci fa imparare alcuna lezione, né a livello collettivo né a livello individuale.

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: