WEN – FRATELLI – Più che fratelli – Carlo Menzinger

Io e i miei fratelli siamo nati il 6 Metagitnione 2796, in occasione dei 2500 anni dalla gloriosa impresa di Leonida nella battaglia delle Termopili. Questa data non è un caso. Così è stato voluto. Siamo gemelli. Identici. Uguali più di qualunque Uguale di Sparta. Siamo ventisei. Siamo figli delle Figlie del Ragno, ma, soprattutto,Continua a leggere “WEN – FRATELLI – Più che fratelli – Carlo Menzinger”

WEN – GENITORI – Una madre di Sparta – Carlo Menzinger

Cliternestra si chinò a raccogliere le mandorle che le erano cadute in terra. Ci soffiò sopra e le mangiò. Continuando a pensare, soppesò la ciotola, mescolando con l’oscillazione le mandorle che conteneva. Cliternestra conosceva bene le regole di Sparta, essendone una delle donne più rappresentative, ma proprio per questo era riuscita a restare vicina alleContinua a leggere “WEN – GENITORI – Una madre di Sparta – Carlo Menzinger”

WEN – FIGLI – Agoghè – Carlo Menzinger

Domani, figlio mio, compirai sei anni! Com’è passato in fretta questo breve tempo assieme. Al pensiero che lascerai per sempre il gineceo per andare al ginnasio, che mi lascerai per sempre, mi si stringe il cuore. I figli sono frecce scoccate dai genitori. A noi tocca mirare verso il giusto bersaglio, ma dopo che laContinua a leggere “WEN – FIGLI – Agoghè – Carlo Menzinger”

WEN -LUSSURIA – Babilonia – Carlo Menzinger

Dopo aver sconfitto Tebe a Leuttra nell’anno olimpico 405[1], Sparta ebbe via libera per distruggere Atene e cancellare ogni traccia della sua cultura. Alleata con Alessandro Magno, sfidò l’impero persiano. Superato l’Eufrate, Aronne aveva combattuto tra le truppe ilote di Sparta nell’immane battaglia di Gaugamela contro i persiani di Dario. La notte prima si eranoContinua a leggere “WEN -LUSSURIA – Babilonia – Carlo Menzinger”

WEN – ACCIDIA – Lasciatemi così – Carlo Menzinger

«Io ne ho viste cose che voi iloti non potreste immaginarvi: navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Chatigrama[1], e ho visto le lame dei samurai balenare nel buio vicino alle porte di Thule. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia. È tempo di morire.»[2] Il guerrieroContinua a leggere “WEN – ACCIDIA – Lasciatemi così – Carlo Menzinger”

Caterina Perrone legge per il GSF “Sparta ovunque”

Le Ucronie mi affascinano: che cosa sarebbe accaduto se la storia, a quel fatidico bivio, avesse preso un’altra strada? Ecco il mondo che erompe dall’antologia “Sparta ovunque”, dove la vittoria dell’ordine, dei valori della città guerriera, negatrice della famiglia, dell’amore interpersonale e figliale, dell’arte, della vecchiaia, cancella la rivale Atene e tutte le conseguenze cheContinua a leggere “Caterina Perrone legge per il GSF “Sparta ovunque””

WEN – GOLA – Il pasto delle Menadi – Carlo Menzinger

 «Dormito bene, sorella?» Una ragazza spettinatissima e sporca la stava fissando mezza nascosta dietro un albero. Aracne sussultò. Il sole si stava alzando all’orizzonte. «Non avere paura, sorella, siamo tue amiche» intervenne un’altra voce. Aracne si girò e vide un’altra giovane, forse ancora più lurida, acquattata tra i cespugli, con il sedere che quasi toccavaContinua a leggere “WEN – GOLA – Il pasto delle Menadi – Carlo Menzinger”

WEN – IRA – Eutanasia -Carlo Menzinger

Dopo aver sconfitto Tebe a Leuttra nell’anno olimpico 405[1], Sparta ebbe via libera per distruggere Atene e cancellare ogni traccia della sua cultura. Alleata con Alessandro Magno, creò un impero che dura ancora ai giorni d’oggi. Era il mese Elafebolione dell’anno olimpico 2796[2]. Era il tempo di Sparta. I due gruppi di ragazzi nudi siContinua a leggere “WEN – IRA – Eutanasia -Carlo Menzinger”

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito