WEN – INVIDIA – L’invidia- Giovanna Ristori

È quel diffuso malcontento che nasce per l’altrui avere quando dell’ambìto godimento non è dato provare piacere E rabbia tanta sale che del desiderio si va a sparlare Ad esempio se all’uva la volpe non arriva finisce che la denigra E qui si svela l’invidia, che getta l’inganno e reca ad altri danno Perché perContinua a leggere “WEN – INVIDIA – L’invidia- Giovanna Ristori”

WEN – INVIDIA – Kapò dentro (una questione di circostanze) – Cristina Scrigna

Animo meschino potere arrogante insulto sotteso invidia sprezzanteAstioso dispetto natura infingarda vocale scarlatta denuncia bugiarda Stigma intuibilerifiuto tangibilecensura brutaleferocia animale Occupazione separazionesegregazionec a n c e l l a z i o n eTutti ‘fratelli’,gemelli di un diversospazio-tempoFigli dello stessoInferno. di Cristina Scrigna

WEN – INVIDIA -Lazzi in cortile – Chiara Sardelli

Mi avete giocato un’imboscata, all’insaputa della memoria che pace avea trovato in un soleggiato meriggio Il corpo disteso, languido e vinto, si abbandonava rannicchiato, poltrendo Uno schiamazzo, rompeva l’indugio. Anch’io, tra gli altri, scostavo le tende che donano agli occhi ormai paghi del mondo dolce penombra Quale sorpresa mi colse nel notare quanta vita ancora,Continua a leggere “WEN – INVIDIA -Lazzi in cortile – Chiara Sardelli”

WEN – INVIDIA -Invidia – Francesco Guglielmino

Irrefrenabile desiderio d’aver ciò che non hai che Nulla tieni mentre altri tengono, Vorresti che gli altrui fossero al posto tuo e tu Invidiato da loro mentre Deridi la loro condizione   con Irriverenti Ammiccamenti. di Francesco Gugliemino

WEN – INVIDIA – Uccelli sulla città – Carlo Menzinger

Geometrie dinamiche Di aeree nubi frullanti d’ali Si compongono e scompongono Vorticose Sul nostro lento trascorrere Su quest’umida terra. Esseri policefali dalla volontà condivisa Volteggiano a migliaia In stormi velocissimi, In lontanissimi brusii, In cacce d’invisibili prede E noi a stento solleviamo il naso Per fissare un istante la magia Delle loro sculture quadridimensionali OgniContinua a leggere “WEN – INVIDIA – Uccelli sulla città – Carlo Menzinger”

WEN – INVIDIA – Ade – Massimo Acciai Baggiani

NOTA DELL’AUTORE – Il presente racconto è ambientato nel mondo ucronico creato da Carlo Menzinger nella trilogia di Via da Sparta[1], precisamente si inserisce tra i miei racconti Il vecchio[2] e Lo scisma[3]. Philagrios era sovrastato dalla presenza del dio, di dimensioni tali da non poterlo vedere in volto. Riusciva appena, alzando gli occhi, aContinua a leggere “WEN – INVIDIA – Ade – Massimo Acciai Baggiani”

WEN – INVIDIA -Vite Parallele – Manna Parsì

Lia dopo il secondo lockdown di novembre non riesce più mettere un pasto completo a tavola. È divorziata.  Il marito è sparito dopo la nascita del secondo figlio lasciandola sola con due bambini piccoli senza alcun mezzo di sostentamento.  Prima dell’attacco del virus lavorava in una cooperativa che preparavano i pasti per le mense scolastiche.Continua a leggere “WEN – INVIDIA -Vite Parallele – Manna Parsì”

WEN – INVIDIA – Il direttore – Marcovalerio Bianchi

In un ricordo misto di soddisfazione e nello stesso tempo di amarezza Claudio non poteva fare a meno di pensare al giorno in cui venne nominato direttore generale. Per anni aveva invidiato quella carica di elevato prestigio. Per ottenere quella posizione nell’importante azienda farmaceutica aveva lottato a lungo e senza esclusione di colpi, inimicandosi diversiContinua a leggere “WEN – INVIDIA – Il direttore – Marcovalerio Bianchi”

WEN – INVIDIA – Da liceale – Chiara Sardelli

Era l’anno della sospirata maturità. La legge, appoggiata contro ogni previsione anche da Amintore Fanfani, già aveva disposto in luogo degli esami, proclamandoci tutti maturi, di lì a pochi mesi ci aspettavano le urne, le prime urne. Quelle che avrebbero decretato lo sbalestrante sorpasso del Pci sul fronte conservatore e democristiano. Poche volte eravamo stati,Continua a leggere “WEN – INVIDIA – Da liceale – Chiara Sardelli”

WEN – INVIDIA – Sapìa invidiosa – Cateria Perrone

È stato lì, è stato allora che l’ho sentita più forte che mai prima, dilaniarmi il cuore, scuotere le mie risa di fronte alla disfatta del mio popolo inviso. Eppure non c’è luogo che mi piaccia come questo castello dove sono venuta sposa e ho vissuto fino agli anni della mia età matura. Castiglionalto guardaContinua a leggere “WEN – INVIDIA – Sapìa invidiosa – Cateria Perrone”

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito